Arte.gif, da fenomeno social a mostra

Le Graphics Interchange Forms, o più semplicemente gif, sono un formato per immagini digitali ideato nel 1987 da un’azienda americana per facilitare il download di immagini a colori via internet. Le immagini in formato gif, infatti, occupano poca memoria, hanno una profondità di colore massima di 8 bit (cioè non più di 256 sfumature in ciascun file) e sono caratterizzate da tinte piatte e da pochi dettagli.https://i2.wp.com/www.artspecialday.com/9art/wp-content/uploads/2016/03/gannis-1.gif

Tali sequenze di immagini dello stesso formato, dopo alcuni anni di inutilizzo, oggi sul Web spopolano grazie a coloro che hanno saputo reinterpretarle in chiave moderna, siano essi anonimi o artisti di fama internazionale. A cogliere l’importanza di un fenomeno social così importante e attuale è il polo per l’arte smART di Roma che, in un interessante progetto espositivo, ospita la mostra STOP AND GO: l’arte delle gif animate a cura di Valentina Tanni e Saverio Verini. Dal 6 aprile al 22 luglio 2016, infatti, saranno visibili le gif animate realizzate da artisti come Bill Domonkos,  Zack Dougherty, Roberto Fassone, Carla Gannis, Lorna Mills, Okkult Motion Pictures, James Kerr/Scorpion Dagger, ma anche quelle dal successo straordinario realizzate da anonimi e trovate sul Web.

domonkos3L’arte di oggi dialoga incessantemente con i nuovi mezzi tecnologici, basti pensare a David Hockney che dipinge opere di soggetti tradizionali usando mezzi assolutamente non convenzionali come i tablet e gli smartphone, a Cory Arcangel e al suo utilizzo di vecchi computer, consolle di video giochi e hardware obsoleti, oppure all’utilizzo del 16 mm da parte di Tacita Dean o del VHS per Gregor Hildebrandt.

Dunque, è vero che l’utilizzo delle gif nel 2016 è un’operazione vintage, un revival nostalgico degli anni ’90, ma non dimentichiamo che la gif è anche un efficace mezzo comunicativo, spesso utilizzato dai social dei grandi musei internazionali, per far rivivere le grandi opere d’arte moderna reinterpretandole in chiave ironica e contemporanea. La gif, immediata come una foto, ma composta da più attimi, come un video, è il connubio perfetto per una generazione social che odia aspettare che i lunghi filmati si carichino e pretende un mondo alla portata di un click.

Elena Li Causi per MIfacciodiCultura

Link diretto: http://www.artspecialday.com/9art/2016/04/02/stop-and-go-larte-delle-gif-animate-arte-gif-da-fenomeno-social-a-mostra/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...