Jean-Michel Basquiat: storia di una meteora newyorchese in mostra a Roma

Dopo il grandissimo e inaspettato successo della mostra LOVE. L’arte contemporanea incontra l’amore, il Chiostro del Bramante apre le sue porte al pubblico con una nuova esposizione, visitabile fino al 2 luglio 2017, dedicata al ragazzo prodigio dell’arte americana,  Jean-Michel Basquiat.Basquiat, Jean-Michel - Back of the Neck - 1983 (2)
La storia è quella di un giovanissimo artista newyorchese, che tagga sui muri insieme al sui amico Al Diaz sotto lo pseudonimo SAMO, che come una meteora, attraversa scoppiettando l’intera decade degli anni ’80 per poi spegnersi, in un’overdose di eroina, nell’estate del 1988. Jean-Michel aveva 27 anni e le spalle ancora non abbastanza larghe: una volta entrato nel vortice dorato del successo, fu difficile per lui venirne fuori. Così scrisse il poeta e critico Renè Ricard:

È cool avere 20 anni ed essere arrivati […] ma la crassa volubilità del mercato degli speculatori può avere un effetto deleterio sulla futura carriera dell’artista […] qui non si tratta più di collezionare arte, ma di comprare individui. Non è un pezzo firmato SAMO. È un pezzo di SAMO.

Riecheggia la citazione menandrea secondo cui muore giovane chi è caro agli dei e il nome di Basquiat è da aggiungere a quelli di Janis Joplin, Kurt Kobain, Jim Morrison, Jimi Hendrix e tanti altri grandi artisti dalla vita border-line, avvolti da un’aura romantica che, nella storia, è riservata ai grandi eroi che hanno sacrificato la loro vita in nome di un ideale, di un obiettivo. Aveva già le idee chiare a 17 anni Basquiat quando, dopo l’ennesima fuga da casa, disse: «Papà un giorno diventerò molto, molto famoso». Due anni dopo era già un fenomeno. «I don’t know just where I’m going/ But I’m gonna try for the kingdom» cantavano i Velvet Underground.

In una prima parte della sua breve carriera Jean-Michel si servì della parolaUso la scrittura come pennellata», dirà), criptica e piena di allusioni, espressa in taccuini o, più frequentemente, in graffiti sui muri delle strade o delle metropolitane. L’allestimento della mostra, non a caso, vuole rispecchiare questo aspetto “underground”. Il pavimento è rivestito in gomma nera e gialla, le descrizioni ricordano fermate metropolitane e le scale, ripulite dalle scritte che gli oltre 150 mila visitatori di LOVE avevano lasciato, adesso, vengono rese volutamente sudicie e rovinate dall’umidità, proprio come delle vere scale sotterranee e, come se non bastasse, il sottofondo di un treno in arrivo chiarisce tutti i dubbi. Basquiat, Jean-Michel - John Lurie - 1982 (1)
Come nelle mostre precedenti, d’altra parte, il Chiostro, temendo l’horror vacui della parete bianca, cerca di “ambientare” le opere esposte e rendere le pareti museali quanto più permeabili con l’esterno. La componente social è fondamentale oggi per un museo (è già stato lanciato l’hashtag #bebasquiat), ma non deve esaurirsi lì, Basquiat va oltre il graffitismo e la cultura underground. È un artista estremamente complesso e contraddittorio, una rockstar che indossa completi Armani, un selvaggio con un autocontrollo perfetto e, per usare un paragone di Jeffrey Deitch:

Basquiat ricorda Lou Reed che canta magnificamente dell’eroina ai bravi ragazzi del liceo.

Riferimenti alla tradizione estetica afroamericana – la blackness – appaiono, nelle sue opere, mediate dalle suggestioni espressioniste che riceve, ad esempio, dall’eleganza di Cy Twombly e dalla brutalità di Dubuffet. Il suo primitivismo, spiega il curatore della mostra Gianni Mercurio, è frutto di una presa di coscienza politica e non solo un sistema di valori formali, estetici, feticisti ed etnografici, come era avvenuto nelle Avanguardie europee.

Jean-Michel Basquiat, figlio di genitori separati, troverà un padre putativo in Andy Warhol, che a partire dal 1982 lo accoglierà in quel luogo dal tempo sospeso che è la Factory. Sarà dopo la sua improvvisa morte che avverrà il tracollo definitivo del giovane pittore nel mondo dell’eroina. «Heroin, be the death of me/ Heroin, it’s my wife and it’s my life», cantavano sempre i Velvet Underground. Così si conclude la parabola del “radiant child“, sconfitto in una lotta impari contro i fantasmi che lo accomunano a tutta la sua generazione, a tutti coloro che, come scrisse Kerouac in On the Road:

Bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi d’artificio gialli che esplodono simili a ragni sopra le stelle e nel mezzo si vede scoppiare la luce azzurra e tutti fanno “Oooooh!”

Elena Li Causi 

Link diretto: http://www.artspecialday.com/9art/2017/03/25/jean-michel-basquiat-mostra-roma/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...